Archivi categoria: linguistica

Il sinonimo di “pietista” nel XXI secolo

“Pietismo” e “pietista” erano termini usati in senso dispregiativo nell’Italia fascista degli anni delle leggi razziali. I “pietisti” erano quegli italiani (ovviamente “ariani”) che provavano sentimenti di pietà e di simpatia per gli ebrei. «Bisogna reagire contro il pietismo del … Continua a leggere

Pubblicato in linguistica, Polis, Storia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Umbrìa d’omm, de sogn disaster

Sa sbranen, vün cun l’alter sa massacren i dì d’inverna – sang de temp, gris laster de carisna, ferr e nìvul e matìnn d’eterna piöva in duve, cume besti ancestral sgunfi de pagüra e pienn de famm, per i strad … Continua a leggere

Pubblicato in linguistica, Poesia, Scrivere | Contrassegnato | Lascia un commento

Glossopoiesis saved my life

Organizzatrice e ordinatrice del caos, igiene e purificazione del pensiero, droga mentale rilassante e lenitiva: come sempre mi accade nei momenti di forte inquietudine, angoscia o entropia spirituale, la linguistica mi fa da àncora di salvezza. Mi blandisce, mi ristora, … Continua a leggere

Pubblicato in linguistica | Contrassegnato , , | 2 commenti

Idioletto famigliare #11. «Brüscìtt»

La famiglia è anche il luogo della convivialità e della condivisione del cibo (o se vogliamo il luogo dell’incubo della convivialità – ma questo è un altro discorso), perciò è fatale che parecchie voci di questo mio idioletto famigliare siano … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato , | Lascia un commento

Idioletto famigliare #10. «Bruscandoli»

Finalmente una parola del mio idioletto famigliare che è bensì dialettale (seppur repertoriata in diversi dizionarî), ma non milanese. “Bruscandoli”, o per meglio dire bruscàndoei, è il nome con cui in Veneto si designano i butti primaverili del luppolo selvatico. … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato , | Lascia un commento

Idioletto famigliare #9. «Bìroli»

Ci sono misteri insoluti e probabilmente destinati a rimanerlo. Il Bloop mante volte registrato dal NOAA durante l’estate del 1997 nelle profondità dell’Oceano Pacifico fu prodotto da sommovimenti criogenici in Antartide o da un gigantesco essere vivente? La prima ipotesi … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Idioletto famigliare #8. «Biòtt»

Ovvero “nudo”: una bella, gloriosa e giustamente nota parola milanese. Poiché si ritiene che provenga dal longobardo *blauz (“nudo, spoglio”), è anche una parola antichissima, che in Langobardia Maior si usa ininterrottamente da quasi mille e cinquecento anni. «Va’ no … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato | Lascia un commento

Idioletto famigliare #7. «Béula»

La béula non è un temine fantasioso coniato da William Blake, bensì la beola, parola registrata persino dal Treccani: ossia la lastra di pietra (solitamente di ardesia o di roccia metamorfica scistosa) altrimenti detta pioda o losa che si adopera … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato | Lascia un commento

Idioletto famigliare #6. «Belé»

Gioia, gioiello, bellezza nel senso di “thing of beauty” e perciò, spesso, “bel bambino”. “Belé” è una parola milanese usata pressoché esclusivamente dalle donne della mia famiglia: linguaggio femminile, dunque, e della più pura acqua. Quand’ero piccolo e ancora bello, … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato | Lascia un commento

Idioletto famigliare #5. «Baslotto»

Il baslòtt, in milanese, è una scodellona. Come spesso accade, lo italianizzo senza avvedermene, cosicché ancor oggi sovente non mangio “un piattone”, bensì “un baslotto” di pasta (o di risotto giallo, o di trippa). Una volta m’è scappato di dirlo … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato | Lascia un commento

Idioletto famigliare #4. «Baslètta»

La “baslètta” (con la e aperta, anzi apertissima) in milanese e in altre lingue gallo-italiche è il mento ovvero la bazza, insomma la scucchia (direbbero quelli di giù). «Ho pestato la baslètta» avrei detto da bambino dopo una rovinosa caduta … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato , | Lascia un commento

Idioletto famigliare #3. «Bamburino»

Da bambino ero già decisamente ombelicale, tuttavia ignoravo l’arcano vocabolo “ombelico” e usavo il milanese bamburìn, opportunamente italianizzato, nella ferma convinzione che fosse quello il termine specifico e corretto. «Il mio bamburino è più bello del tuo!» «Ma io ho … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato , | Lascia un commento

Idioletto famigliare #2. «Ball de fra’ Giüli»

Ball de fra’ Giüli, i ∼ Un’espressione milanese prediletta da mia madre, con cui non mancava (manca) mai di condire le sue tiritere. A volerla traslare, la si potrebbe rendere con un aulico “Son menzogne!” oppure con un più icastico … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato | Lascia un commento

Idioletto famigliare #1. «A»

«A» come il pronome enclitico che ho sempre sentito usare dai miei quando si esprimevano in vernacolo e che ho sempre usato a mia volta: sempre con naturalezza inconsapevole, come è giusto che sia quando si parla una lingua madre … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato | Lascia un commento

Una fiaba per la buona notte

Una strepitosa fiaba popolare russa raccolta nel XIX secolo dal grande folclorista Aleksandr Afanas’ev. Ecco, magari non è proprio la cosa più adatta da leggere ai bimbi all’ora della nanna, ma di sicuro fa il suo porco effetto. Пизда и … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, linguistica, Religione | 9 commenti