Archivi del mese: marzo 2014

Idioletto famigliare #3. «Bamburino»

Da bambino ero già decisamente ombelicale, tuttavia ignoravo l’arcano vocabolo “ombelico” e usavo il milanese bamburìn, opportunamente italianizzato, nella ferma convinzione che fosse quello il termine specifico e corretto. «Il mio bamburino è più bello del tuo!» «Ma io ho … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato , | Lascia un commento

Conigliera, ovvero 40 vs 20 = 10 – 0

E così mi ritrovo a quaranta suonati, anzi suonatissimi, e dopo un anno piuttosto complicato, alle prese con una invadente esplosione di creatività, improvvisamente (o quasi) produttivo come una conigliera, pieno di cose e di idee, tanta roba scritta o … Continua a leggere

Pubblicato in Diario | Contrassegnato , | 3 commenti

Idioletto famigliare #2. «Ball de fra’ Giüli»

Ball de fra’ Giüli, i ∼ Un’espressione milanese prediletta da mia madre, con cui non mancava (manca) mai di condire le sue tiritere. A volerla traslare, la si potrebbe rendere con un aulico “Son menzogne!” oppure con un più icastico … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato | Lascia un commento

Idioletto famigliare #1. «A»

«A» come il pronome enclitico che ho sempre sentito usare dai miei quando si esprimevano in vernacolo e che ho sempre usato a mia volta: sempre con naturalezza inconsapevole, come è giusto che sia quando si parla una lingua madre … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato | Lascia un commento