Archivi tag: meine heimat

Sufficit diei malitia sua

Torno in provincia. Il cielo è grigio, l’aria afosa, ogni tanto qualche goccia solitaria si spiaccica contro il parabrezza. Habiate qui dicitur Grassus mi accoglie come sempre sonnolento, chetato. Ci sono frotte di adolescenti usciti dalle scuole superiori assiepati sul … Continua a leggere

Pubblicato in Diario, Il lavoro della memoria | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Umbrìa d’omm, de sogn disaster

Sa sbranen, vün cun l’alter sa massacren i dì d’inverna – sang de temp, gris laster de carisna, ferr e nìvul e matìnn d’eterna piöva in duve, cume besti ancestral sgunfi de pagüra e pienn de famm, per i strad … Continua a leggere

Pubblicato in linguistica, Poesia, Scrivere | Contrassegnato | Lascia un commento

Cinque feste della città di A.

(Fine settimana di caroselli, zucchero filato e autopiste al paese. Così metto qui un racconto non-racconto che avevo postato sul Primo amore qualche tempo fa.) 79 Quand’ero piccolo, nella casa in cui vivevano i miei nonni e mia zia trovavo … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, Scrivere | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Idioletto famigliare #4. «Baslètta»

La “baslètta” (con la e aperta, anzi apertissima) in milanese e in altre lingue gallo-italiche è il mento ovvero la bazza, insomma la scucchia (direbbero quelli di giù). «Ho pestato la baslètta» avrei detto da bambino dopo una rovinosa caduta … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato , | 1 commento

Idioletto famigliare #3. «Bamburino»

Da bambino ero già decisamente ombelicale, tuttavia ignoravo l’arcano vocabolo “ombelico” e usavo il milanese bamburìn, opportunamente italianizzato, nella ferma convinzione che fosse quello il termine specifico e corretto. «Il mio bamburino è più bello del tuo!» «Ma io ho … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, linguistica | Contrassegnato , | Lascia un commento

Odori che mancano

Può sembrare assurdo, ma da quando abito a Milano mi manca l’odore di letame. Quando stavo in provincia, nel mio quartiere periferico, tutto sporto verso le campagne del Ticino, l’odore di concime era tra i più familiari. Mi invadeva la … Continua a leggere

Pubblicato in Diario, Il lavoro della memoria | Contrassegnato , | 7 commenti

Finalmente, dopo tanto tempo, di nuovo seduto sulla riva del Ticino.Ogni istante del mondo è unico e si perde via per sempre nel vuoto. Qui, per fortuna, non vige l'obbligo di scrivere solo cose acute e originali. Oggi mi va … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , | 6 commenti