Archivio dell'autore: Sergio Baratto

Death by Water

Phlebas the Phoenician, a fortnight dead,   Forgot the cry of gulls, and the deep sea swell And the profit and loss.                                        A current under sea Picked his bones in whispers.  As he rose and fell He … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Polis | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Da cosa ricominciare?

Questo pezzo è nato – in una forma embrionale – su questo blog nel maggio del 2007. Faceva parte di un post più lungo, intitolato “Lo scricchiolio delle cose”, in cui – preso atto della definitiva morte della grande ma … Continua a leggere

Pubblicato in Diario di un'insurrezione, Il primo amore, Militanza, Polis | Contrassegnato | 1 commento

Not hollow, not yet

Rileggere i miei deliranti, ridicoli, patetici diari dei diciassette-diciott’anni è penoso ma anche istruttivo, anzi benefico. Perché, tolta la cianfrusaglia, le chiacchiere, le pose, gli artifici puberali, tolto il rimpianto per ciò che sarei/sarebbe potuto essere e non sono/è stato, … Continua a leggere

Pubblicato in Diario, Poesia | Contrassegnato | 1 commento

Battaglia a tre

Da piccolo ero più che altro uno sfigato, in particolare da ragazzino: uno sfigato di dimensioni epiche. Da adolescente, per un breve periodo, sono diventato anche uno stronzo, anche se la sfiga non mi ha mai abbandonato. Diciamo che ero … Continua a leggere

Pubblicato in Diario, Stronzate | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Per la notte in arrivo

Charlie Hebdo. E’ tutto così orribile e ciecamente suicidario. 7 gennaio 2015, e nuovi anni Trenta che ci vengono incontro.

Pubblicato in Polis | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Seguire i vermi

Te ne stai lì seduto dietro il tuo muro e aspetti che arrivino i vermi. Aspetti di tagliare i rami secchi e ripulire la città, di indossare una camicia nera e sterminare i deboli, di sfondargli le finestre e buttargli … Continua a leggere

Pubblicato in Merdaglia, Musica, Polis | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Umbrìa d’omm, de sogn disaster

Sa sbranen, vün cun l’alter sa massacren i dì d’inverna – sang de temp, gris laster de carisna, ferr e nìvul e matìnn d’eterna piöva in duve, cume besti ancestral sgunfi de pagüra e pienn de famm, per i strad … Continua a leggere

Pubblicato in linguistica, Poesia, Scrivere | Contrassegnato | Lascia un commento

Glossopoiesis saved my life

Organizzatrice e ordinatrice del caos, igiene e purificazione del pensiero, droga mentale rilassante e lenitiva: come sempre mi accade nei momenti di forte inquietudine, angoscia o entropia spirituale, la linguistica mi fa da àncora di salvezza. Mi blandisce, mi ristora, … Continua a leggere

Pubblicato in linguistica | Contrassegnato , , | 2 commenti

Cinque feste della città di A.

(Fine settimana di caroselli, zucchero filato e autopiste al paese. Così metto qui un racconto non-racconto che avevo postato sul Primo amore qualche tempo fa.) 79 Quand’ero piccolo, nella casa in cui vivevano i miei nonni e mia zia trovavo … Continua a leggere

Pubblicato in Il lavoro della memoria, Scrivere | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Lotte geneticamente degenerate

Concentrare tutta la critica agli OGM sulla questione se siano o no nocivi per la salute è un errore strategico clamoroso. Del resto, se ai tempi del movimento no-global si tentò di inquadrare la questione all’interno di un dibattito serio, … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento