Archivi del mese: novembre 2016

Athair

Nei tuoi occhi mi sono sempre tuffato come in un cielo sicuro e nel naso portavo il tuo odore come una preghiera E veleggiavi come un galeone della Provvidenza quando il giorno finiva in vapori di legumi e la musica … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

Scusi, dov’è il bar?

Oggi mi sento più o meno così. Lascia perdere il testo (molto bello, peraltro). Prendi la musica, prendi questo breve struggente malinconico assolo di chitarra, che suona come una domenica pomeriggio uggiosa d’autunno. Fa’ che sia l’autunno del 1983, lo … Continua a leggere

Pubblicato in Diario, Musica | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Georgia, se mai passassi di qua, sappi che mi mancano le tue parole e il tuo blog, a cui – da vecchio blogger della web-era passata – ero molto affezionato.

Pubblicato in Appunti | Contrassegnato | Lascia un commento

Narrazione fasulla vs aritmetica

Tutte queste analisi e riflessioni intelligenti talvolta intelligentissime sul trump frutto della marea populista, della rabbia degli esclusi, dell’odio per l’élite, della vampa antisistema… Eppure da giorni sto lì, rigido come un baccalà, a guardare i numeri, e mi pare … Continua a leggere

Pubblicato in Polis | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Sinistri sinistri

Conosco compagni così ideologicamente puri e moralmente intransigenti che, se anche i due candidati alla presidenza fossero Carlo Marx e Federico Engels, direbbero lo stesso: “Fanno schifo tutti e due”.

Pubblicato in Merdaglia, Polis | Contrassegnato , | Lascia un commento