Archivi tag: michael lewis

Sfogliando Internazionale (IV)

“La guerra è questione di sottili calcoli, valutando i costi in continuo cambiamento e i benefici sempre sfuggenti”. Ancora costi e benefici. Ancora calcoli. Matematica e mentalità commerciale come caratteri costitutivi di ogni valutazione. Ma io mi sforzo di non … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Sfogliando Internazionale (III)

“…se aumenterà o diminuirà la somma totale delle sofferenze umane”. Questo mi sembra un approccio un po’ da contabile: possibile che questi, quale che sia la loro appartenenza ideologica, non riescano ad applicare altro modo di valutazione che la ragioneria? … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Sfogliando Internazionale (II)

“Onestamente è impossibile sapere se questa è una guerra buona o cattiva”: qui è espresso il concetto dell’impossibilità di un giudizio preventivo sulla guerra (il concetto di guerra preventiva, a quanto pare, è stato legittimato). Chissà perché. Forse è lo … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Sfogliando Internazionale (I)

Questa settimana riportano un articolo di Michael Lewis. Questo Lewis è un giornalista del New York Times Magazine. È anche, per applicare le nostre categorie politiche, un progressista. L’incipit del suo pezzo mi ha perciò colpito in maniera particolare. Scrive … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , | Lascia un commento