Per la notte in arrivo

E poi medicine antrace lunghe scie di luce
ciecamente avanzavamo nella carne del tempo
scartavetrandoci le dita fino all’osso

E quando i feti nei ventri scalciavano per uscire
a trovare piccoli inferni in polimeri plastici
rubinetterie idrocarburi volentieri quelle
gozzoviglie le avrebbero lasciate ad altri

E Dante con la sua corazza tra i Persiani
in lacrime sul Golfo
gli stessi problemi di sempre
cosa sarebbe stato di noi da dove
il nostro respiro e perché

Nessuno a costituirsi nessuno che alzasse la mano
a dire Colpa mia signori
a sentir loro non c’era alcuna ragione oggettiva
per piangere le ripetizioni della storia

Quanto a Caronte affari d’oro
ne ha sempre fatti
soldi sottobanco sbarchi di clandestini
nel business tra i mondi

Oh ma io mi costruirò visioni
prenderò una strada nuova e già lo so
che la percorrerò da solo

Si spengono adesso le luci
viene un’altra sera
Milano settembre duemiladue

Affiliamoci lo sguardo nel buio
per la notte in arrivo
per la notte in arrivo.

Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Polis e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Per la notte in arrivo

  1. anonimo ha detto:

    sottovoce: grazie.

  2. razgul ha detto:

    Prego :)

  3. iuna ha detto:

    buona notte
    abbracci
    sorrisi
    e sogni sereni

  4. valeska ha detto:

    xxx

  5. alderano ha detto:

    Affiliamoci lo sguardo nel buio abrasivo

    per la notte in arrivo

    per la notte in arrivo.

    E scalciamo per fare uscire di qui le dialettiche sozzure delle gozzoviglie sanguinanti che affollano golfi ad occhi sbarrati, scalciamo in questa notte in arrivo, notte gà venuta.

  6. kanji ha detto:

    Sguardo affilato Raz, certo, ma il buio abrasivo lo rivolteremo come un guanto! Oggi ho saputo una cosa, mi va di scrivertelo. Qui a Sondrio, in questi giorni di manifestazioni in tutta Italia a favore della liberazione degli ostaggi e del ritiro delle truppe in Iraq, in questi giorni, in questa piazza c’era solo il silenzio.
    Niente manifestazioni.
    Ma….ma ieri….bèh, è scesa in piazza la comunità islamica locale, manifestando in favore degli ostaggi e della pace. Sono scesi in piazza, con gli striscioni bilingue. Loro al posto nostro!
    Allora, forse, il buio abrasivo lo rivolteremo come un guanto.

  7. alderano ha detto:

    Ho letto la tua glossa a Moresco da Markelo.
    Le parole-chiave di Moresco che tu esponi mi risuonano dentro, e prendono dentro anche la mia eruzione. Richiamano altre parole, come frecce che inanellano altre frecce. Te ne espongo due. Sono due ‘teste’ che, come sai, mi sono molto care.
    “…questo sogno non ancora sognato, questo agguato…”: “Saper afferrare le stelle che come lacrime cadono da firmamento mai sognato dell’umanità è il compito del comunismo” (Giorgio Agamben, Idea della prosa).
    “…teste in fusione, in fiore…”: “Solo gli esseri umani strappandosi alla pacifica orizzontalità animale sono riusciti ad appropriarsi dell’erezione vegetale e a lasciarsi, in un certo senso, polarizzare verso il cielo” (Georges Bataille, L’occhio pineale)
    “Nel labirinto…”: “Arianna, il labirinto, il Minotauro, Teseo e Dioniso, a tutto questo campo mitico Nietzsche non cessa di ritornare in un forma enigmatica e ambigua, ogni volta che vuole indicare l’ultimo segreto della verità: che la verità è la morte… Il labirinto, i cui dedali non offrono via d’uscita e che tiene in serbo la distruzione a opera del Minotauro, è lo scopo del destino di colui che cerca”. (Karl Jaspers, citato da Georges Bataille in Acéphale, numero dedicato a Dioniso).
    Io, attendo sempre la cipolla promessa.

  8. anonimo ha detto:

    ciao raz…che settembre…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...