In valle reducta

Nella valle nereggiano le notti
velieri il cosmo non è che uno spolvero
di luci fari di macchine perse
sui muri di vecchie case deserte
lampioni tane di gatti tignosi
reti sfondate ragnatele ruggine
teglie di pasta avanzata e roveti
e venti e scie di comete nel buio
ogni cosa tace e dorme o è morta
gli alberi i vivi i sepolti i fienili
gli orti i canneti soprattutto i vivi
nei letti dentro stanze congelate
(in inverno il gasolio è troppo caro)
con gli occhi chiusi le teste adagiate
le unghie macchiate le mani incolori
le federe il respiro delle schiene
e i mondi sognati in segreto

Ora la notte è davvero immensa
quasi infinita
il giorno uno scialbo ricordo
l’alba un nome alieno

Ut fruges brevissimae in valle reducta
silentio consumuntur anni ac aetatem
praeteritam aetas devorat insequens

Su un cippo di ardesia si allarga
non vista una farfalla di licheni.

Questa voce è stata pubblicata in Scrivere. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...