Comin’ back to the sea #2

La prassi
 
 
«L’idea della commissione [parlamentare d’inchiesta], negli anni seguenti al G8, è stata un chiodo fisso delle opposizioni, fino a entrare nel programma elettorale che nel 2006 porta Romano Prodi a Palazzo Chigi, alla guida della coalizione chiamata Unione. Il progetto non resta una mera affermazione di principio e affronta il primo voto in Parlamento nell’ottobre 2007, nella Commissione affari costituzionali della Camera. Al momento di premere il tasto, due parlamentari della maggioranza (uno dell’Udeur, l’altro dell’Italia dei Valori) votano però contro e tre non si presentano in aula (un altro dell’Idv e due della Rosa nel pugno), mentre il presidente della Commissione, Luciano Violante, sceglie di astenersi, asserendo che così esige la prassi istituzionale. Finisce 22 a 22 e il pareggio, in Parlamento, equivale a un no. La nascita della commissione parlamentare d’inchiesta sui fatti del G8 di Genova è così affossata definitivamente.»
(V. Agnoletto, L. Guadagnucci, L’eclisse della democrazia. Le verità nascoste sul G8 2001 a Genova, Feltrinelli 2011, p. 63.)

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Comin’ back to the sea #2

  1. anonimo ha detto:

    Leggete il libro di Agnoletto e Guadagnucci "L'eclisse della democrazia" su Genova 2001 (ed. feltrinelli): fa venire i brividi, ma e' veramente ben fatto! E fate anche girare la voce, perche' lo stanno oscurando in tutti i modi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...