Appunti sulla tabuizzazione del mondo

Fondamentalmente, il problema della sinistra (non solo italiana, mi pare, ma direi della sinistra d'Occidente) è che soffre di impotentia generandi e ha disseminato il proprio mondo interiore di tabù castranti che ne condizionano in modo pesantissimo i comportamenti.

Enciclopedia Treccani: «inibizione. Fenomeno di origine prevalentemente inconscia che si risolve in un ostacolo alla normale esplicazione delle funzioni psichiche, o impedendo a certi contenuti psichici di giungere alla coscienza, o disturbando lo svolgimento normale di processi affettivi o di attività vitali».

Parole/concetti tabù:
violenza (guerra rivoluzione armi lotte partigiane ecc. e, per converso, "pace")
vendetta (giustizia)
potere/potenza (che riassume bene tutto il resto, per tornare all'impotentia…)

Su questo vorrei meditare a fondo, nei prossimi tempi.

Considerazioni preliminari: sul Che fare? due anni fa avevo già cercato di circoscrivere e definire ciò che intendo per "sinistra". Bisogna però che vi aggiunga qualcosa sulla visione monistica del mondo (tipica per es. dei cospirazionisti e della parte più ambigua del "fronte antimperialista"), in quanto esempio lampante di ciò che spesso viene scambiato – o cerca di farsi passare – per una postura di sinistra radicale, quando invece si tratta di una visione radicalmente opposta alla sinistra, anzi ontologicamente reazionaria.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...