Gli aquilani in corteo manganellati dalle forze dell'ordine.
Arriva luglio e allo Stato scatta la coazione a menare chi protesta.
Mentre mi sembra – purtroppo – di capire bene quale merda cattiva gorgogli nel cervello dei potenti, mi piacerebbe riuscire a entrare per un attimo nella scatola cranica dei loro tutori, dei loro sbirri. scoprire cosa pensa un agente di PS mentre picchia per esempio un tale che ha perso casa città e magari qualche parente. Cosa si muove nella sua coscienza? Qualcosa si muove? Come sisente? Come si giustifica davanti a sé stesso? Si giustifica? Cosa dià/direbbe, che ne so? a sua nonna che ha visto le immagini dei pestaggi al… Ma no, che stupido, sua nonna non può aver visto nulla al tg. Tutt'al più un servizio sul polpo indovino, o sugli elefanti assassini.
Ecco, io non riesco a entrare nella testa di uno così, proprio non soche pesci pigliare.

*

Il mese scorso ho compiuto trentasette anni (en passant ne avevo ventinove, sebbene ancora per poco, quando ho inaugurato questo blog: il tempo corre veloce), e sono in mezzo a un fiume. Riuscirò a distruggere i miei difetti? Riuscirò a scrivere una cosa bella? A dare un senso più alto al mio stare qui, fintanto che il mio posto sarà questo?
Rimbaud a trentasette anni è morto, e così pure Raffaello e Van Gogh. Io a questa età – e per molti versi è un bene – devo ancora esordire.

*

Per fortuna c'è molto silenzio, in questi giorni, e per romperlo, quando mi va, uso Sunday at the Village Vanguard.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. Cordless ha detto:

    Mi collego sempre meno quando lo faccio leggo gli arretrati.*anch'io avevo un tavolo di formica rosso e mangiavo in cucina da piccola, dormivo con le tapparelle serrate e la luce che filtrava a fasci dove brulicava la polvere, senza  la lettura delle favole però.*quando hai scritto di non capire le dinamiche distorte che si sviluppano nella testa di certi individui mi è venuta in mente questa frase tratta da I Demòni che ho letto da poco: " (…) Eseguire degli ordini era una necessità per questa natura minuscola di poco discernimento, eternemente ansiosa di essere sottoposta alla volontà altrui(…) "*I difetti si amplificano, difficilmente li estirpi, puoi provare a bleffare se ti riesce…*non è che conti molto il mio parere ma, a mio avviso e non solo come è ovvio, hai già scritto molte cose sagge e intelligenti.*bel modo di interrompere il silenzio. Buona estate. 

  2. razgul ha detto:

    Buona estate anche a te, sono sempre contento quando vedo che fai capolino nei commenti… mi sono molto affezionato! (-:E' bellissimo, I demoni, nevvero? E pensare che, quando l'ha cominciato, quella canaglia reazionaria di Fedor Michajlovic volva semplicemente scrivere un romanzetto veloce per sputtanare gli studenti di estrema sinistra (oggi diremmo "i noglobal dei collettivi studenteschi e dei centri sociali")… Potenza del genio che trascende i confini del suo contenitore!

  3. Cordless ha detto:

    E' davvero bellissimo!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...