Editurial

Mi saria anca d’acordi cunt i leghisti, che vören mett i esam de dialett per i prufessur del Süd che vegnen sü a insegnà al Nord.
Tutt quej ch’hinn andaj a scöla gh’hann avüü cume minim dü o tri prufessur del Meridiun (chi l’è andaa ai süperiur, anmù püssee: quater, cinq, o anca des o vündes) che i even nanca bon de parlà italian. Pö vün sa dumanda perché i sù fiöö riessen no a dass de fà ­– e ga credi, se a scöla hinn bon dumà de insegnagh a balà la tarantella!
Parlemes ciar, a l’è inscì. A l’è no question de vess rassisti o buonisti, de destra o de sinistra. L’ideologia la c’entra nagott.
E pö, dopu cent cinquanta agn e passa, l’è ura de tegnì cunt dij diferens che gh’hinn in Italia e de capì ch’hinn inscì gross che sa pöd no truà una sintesi. E l’è propi chì al cör del prublema che quij ciula de la Lega hinn bon no de vedè. Anca sensa scumudà la Teronia , mi a vöri no vedè la gluriusa cultüra del mé paes in man d’un quaj badinàtt de Rubècch o pesg anmù d’un quaj uregiatt de Vigeven! Föra dij bal anca i bergamasch, che quand parlen par che gh’habien un tocch de furmagg in mèzz ai dent! A Biegrass vöri dumà i prufessur de Biegrass e quej che cugnussen la cultüra e la lengua de Biegrass! E alura, suta cunt i esam: quej de föra che vören vegnì chì a laurà gh’han prima de cugnuss i carsens, la Gabana, al pan mein e la Ca’ di Biss. E pö gh’han no de scunfundes e druà l’articul “el” (cume disen a Milan) inveci de quel giüst, che l’è “al”, o druà la forma meneghina “Sunt andaa”: chì in sü la riva del Tesin sa dis “A sunt andaa”: la “a” l’è minga un caprissi!

Per i mé letur: d’incoeu in avant, chi in del mé blog tachi sü a scriv dumà in de la mia gluriusa lengua biegrassina.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in linguistica, Senza categoria, Stronzate e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Editurial

  1. tereso ha detto:

    Grande. questo è in assoluto il primo comizio leghista della storia tenuto in una lingua che non è l’italiano. il che la dice già lunga sulle puttanate pseudoidentitarie che vanno sparando ad minchiam da anni.

  2. razgul ha detto:

    Grassie. Ta sarét anca on bosin, ma te sét minga dür de comprendoni.

  3. anonimo ha detto:

    Grande Sergio, ma dove l’hai appreso si nobile idioma? badinatt de Rubecch uregiatt de Vigeven … che ridere… BRAVO
    R.

  4. razgul ha detto:

    Grazie 2.0!
    Sì nobile idioma l’ho appreso da mio padre, che è la quintessenza della lombardità/milenesità/abbiatensità (per fortuna nelle qualità positive, più che altro).

    (Ma io e te ci conosciamo?)

  5. Cordless ha detto:

    non ho capito un tubo… dire che l’ho letto tre volte :-(

  6. razgul ha detto:

    “Io sarei anche d’accordo con i leghisti, che vogliono introdurre gli esami di dialetto per gli insegnanti del Sud che vengono a insegnare al Nord.
    Chiunque sia andato a scuola ha avuto come minimo due o tre insegnanti del Meridione (chi è andato alle superiori, ancora di più: quattro, cinque, o anche dieci o undici) che non erano nemmeno in grado di parlare l’italiano. Poi uno si chiede perché i propri figli non riescano a farsi una posizione – e ci credo, se a scuola sono capaci soltanto di insegnargli a ballare la tarantella!
    Parliamoci chiaro, è così. Non è questione di essere razzisti, buonisti, di destra o di sinistra. L’ideologia non c’entra un bel niente.
    E poi, dopo centocinquant’anni e più, è ora di tener conto delle differenze che ci sono in Italia, e di capire che sono così grosse che è impossibile trovare una sintesi. Ed è proprio qui il cuore del problema che quegli imbranati della Lega non riescono a vedere. Anche senza scomodare la Terronia, io non voglio vedere la gloriosa cultura del mio paese in mano a qualche badinatt di Robecco sul Naviglio o, peggio ancora, a qualche uregiatt di Vigevano! [è proverbiale la rivalità tra abbiatensi e vigevanesi]. Fuori dalle balle anche i bergamaschi, che quando parlano pare che abbiano un pezzo di formaggio tra i denti! Ad Abbiategrasso voglio esclusivamente gli insegnanti di Abbiategrasso e quelli che conoscono la cultura e la lingua abbiatense. E allora, sotto con gli esami: i forestieri che vogliono venire qui a lavorare devono prima conoscere le crescenze [specie di foceccette con l’uva passa da mangiare fritte nel burro, tipicamente vendute nel mese di gennaio], la Gabana, il pan mein [letteral. “pane (di) miglio, un dolce tipico che oggi si fa con la farina di granoturco] e la Ca’ di Biss. E poi non devono confondersi e usare l’articolo “el” (come dicono a Milano) invece di quello corretto, che è “al”, o adoperare la forma milenese “Sun(t) andaa” [“Sono andato”]: qui sulla riva del Ticino si dice “A sun(t) andaa”. La “a” non è mica un capriccio!

  7. Cordless ha detto:

    Lingua abbiatese, focaccine d’uva passa e pane di miglio, olio di ricino per amalgamare il tutto.

  8. razgul ha detto:

    Macché olio di ricino: il frullato di cassoeula fa lo stesso effetto ed è molto più padan-style!

    Scherzi a parte, spero sia chiaro che NON è un pezzo serio (non sia mai che qualche suscettibile passante salentino s’infiammi…).

  9. FireArrow ha detto:

    Beh, questo tuo post (che leggo solo ora) mi fa morire…(in senso figurato, ovviamente)…
    Bravo! Io sono piemontese, capisco il piemontese (ma anche il lombardo e il veneto) e lo parlo anche, ma da quello a scriverlo correttamente ce ne passa….
    Però, i prossimi post, per favore, scrivili in italiano…. Grazie :-)

  10. razgul ha detto:

    Al futur del mé blog al sarà in italian o in dialett? Vedaremm (-:

  11. anonimo ha detto:

    ma chi l'è che ta see ti che ta scriva e ta parla in biegrassin? mi son al luis balocch, che st'ann a l'è al quart ann che tegni al cors de lengua lombarda/biegrassina a la Nunzia'. E voo anca in certi class a parlà in milanes/biegrassin cont i fioeu. si. Forza con la nostra bella lengua. tiremm foeura i ball. difendemela! ciao a tucc

  12. razgul ha detto:

    Mi ta cugnussi de nom, Luis Balocch, per via del tù liber e d'i tù articul de un quaj agn fa su la libertà. Cumpliment anca per l'intervista che t'han faj sul sitt Lankelot, la m'è piasuda de matt. Sun content de savè che gh'ee on quaj vun che ama la lengua de l'Heimat sensa per forsa fà discurs razzisti cume fan quej de la Lega (ch'hinn dumà fascisti de merda).Mi sun nassuu e cressuu a Biegrass, anca se adess sun "diventà milanes", e hoo imparà la lengua quand che sevi piscinin, dal mé papà, che anca se l'è fioeu de vun de Cassoeu l'è la quintessensa del biegrassin, per facia, manèr e temperament (del rest, la mia nonna l'eva biegrassina al quatercent per cent) .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...