432 mesi e un ombelico

Oggi è il compleanno di Paul McCartney – che suona il basso ed è mancino come me, e nonostante sia il più odiato dei Beatles, dei Beatles non era certo il più stronzo e il meno dotato (certamente era meno stronzo di John Lennon) -, Raffalella Carrà e un essere vivente (si fa per dire) che ricopre incarichi istituzionali nel Nordest di cui non dico altro per non vomitare. In più è anche il mio compleanno.

Il 1973 è da tempo uscito dalla cronaca per scivolare negli archivi della storia.
Nel 1973 in Italia non esistevano i cartoni animati giapponesi.
Non esisteva nemmeno mia sorella, dato che è arrivata solo nel ’75. Non parliamo di mio fratello, che ha avuto la sfortuna di nascere addirittura nel decennio successivo.
A marzo i Pink Floyd pubblicavano il loro disco più fortunato e sopravvalutato, quello con il prisma in copertina e quell’insopportabile canzoncina con la trombetta diventata inspiegabilmente il loro greatest hit.
In aprile venivano inaugurate le Twin Towers di New York.
In settembre il golpe di Pinochet in Cile. Kissinger nominato segretario di Stato.

Ma questa è la più bella: nell’ottobre 1973 – leggo su Wikipedia -, Indro Montanelli abbandona per protesta il Corriere della Sera, accusando il direttore Piero Ottone di aver portato il quotidiano su una posizione filocomunista.
Il Corriere filocomunista? Ahahahahahahahahah! E senza ricorrere all’ LSD!
Poi mi chiedono perché io mi ostini a stimare Montanelli (rip) meno di un botulus microporus.

A parte il Corriere-criptoPravda, in Italia a quanto pare il 18 giugno del ’73 non è successo niente di importante (per fortuna), tranne la nascita del sottoscritto che è – credo – stata importante per la mia famiglia.

Il 18 giugno, due anni prima che io nascessi, è morto il mio nonno paterno, perciò porto il suo nome (Eugenio) come secondo nome. "Eugenio" fa ridere quando lo dico, eppure l’ho sempre trovato un bel nome – un po’ desueto, certo, ma nobile e severo. In greco significa "di nobile stirpe".

Il 18 giugno del 1815 si è combattuta la Battaglia di Waterloo, cioè uno dei punti di svolta cruciali della Storia mondiale. Le pagine che Hugo le ha dedicato nei Miserabili sono tra le più memorabili della letteratura di tutti i tempi.

Insomma, anche i meno ferrati in matematica a questo punto capirebbero che oggi compio 432 mesi. Non sono ancora riuscito a farmi una posizione, in compenso ho una figlia che è venuta fuori bionda con gli occhi azzurri, a dimostrazione che i longobardi un po’ di seme in giro per la pianura padana tra una guerra e un editto l’hanno sparso. Del biondo m’importa ‘nasega, ma blue-eyed people rule.

Da tutto ciò che precede questa riga si evince che oggi, per la ricorrenza, mi concedo un po’ di gratuito ombelico, rompendo il riserbo che da sempre ho interposto tra la mia persona e la rete e regalando agli 0,34 lettori del presente блог un mio autoritratto inedito alla faccia della privacy:
sono nato sotto lo stesso segno di Dante Alighieri, Che Guevara, Bob Dylan e il subcomandante Marcos (e dici poco!), sono mancino, miope, poliallergico, ho ereditato gli occhi azzurri e il colorito-latticino del babbo, porto la barba, questa estate smetto di fumare, non sono né alto né basso e non sarei né grasso né magro ma il mio bisogno patologico di dolci ormai incontrollabile mi sarà probabilmente fatale.
Inoltre ho the so-called celtic toe, quello che i francesi chiamano "le pied ancestral" (boia dé).

*

Update 06/19 at dawn:

Grazie, grazie, ho ricevuto una valanga di regali nonostante avessi espressamente chiesto di avere solo un certo libro (che ho avuto). Poi ho mangiato come un maiale, le tre porzioni e mezzo di risotto giallo mi hanno quasi ucciso ma è il piatto più buono del mondo (milanese gastronomy rulez), il pomeriggio è passato in una specie di nube di incoscienza, mi sono ripreso quand’era ora di andare a dormire.

Ah, dimenticavo di dire che non vado quasi mai al mare se non in inverno, ma amo di un amore fanatico la montagna, soprattutto le Dolomiti su cui ho trascorso le tre estati più belle della mia vita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a 432 mesi e un ombelico

  1. Cordless ha detto:

    Mannaggia sono arrivata in ritardo per gli auguri…
    Questi tuoi post intimi sono molto belli.
    Ti senti eccentrico perché non vai mai al mare e preferisci la montagna, anch’io sono sulla stessa lunghezza d’onda. Piccolo particolare. Io il mare l’ho a tre chilometri e non demordo. Tutt’al più un bagno serale. Così mantengo un colore malato, pallido come quello di un morto. ma che cos’è ‘sto “Pied Ancestral”? saluti alla pupa bionda dagli occhi celesti.

  2. razgul ha detto:

    Invece i tuoi commenti mi aiutano a non chiudere questo buco :-)

    E la cosa dei bagni serali per mantenere il colorito malato pallido mi ha fatto scompisciare :-)))

    Le pied ancestral (o “de Neandertal”) è quello in cui il secondo dito è più lungo dell’alluce. In inglese si chiama “Morton’s toe”. C’è chi sostiene – non so quanto scientificamente – che sia il segno di di una probabile ascendenza celtica (a quanto pare è diffuso soprattutto in Scozia e Galles, dove però io non ho parenti!).

  3. Cordless ha detto:

    Qui ti frego. Perché ho un nipote che vive in Scozia a Largs. Si è sposato con una bella scozzese e se genereranno avremo qualche goccia di sangue “celtico” nella nostra famiglia :-)

  4. razgul ha detto:

    (-:

    Mi sa che nel mio caso il dito mi viene da qualche famiglia di contadini gallici (o celto-liguri) incistata nella campagna di Abbiategrasso ininterrottamente dal I millennio a.C.
    Non è un granché, in effetti: la Scozia è indubbiamente più esotica… Però è commovente pensare al cromosoma del dito che supera indenne la colonizzazione romana, nonché l’invasione dei Goti e quella dei Longobardi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...