Si vive in stato pre-elettorale permanente.
Per il sindaco. Contro il sindaco.
A chi vuole un po’ di riforme – i treni ad alta velocità.
A chi vuole un po’ di gauche – i post-it marchio registrato.
A chi vuole un po’ di Deleuze – Deleuze.
A chi vuole un po’ di popolo – le tarantelle.
Ah, la Benetton è da boicottare? Non sapevo.
Fare cose: la festa della semina, la festa del raccolto. Andassero a lavorare chini sulla terra indurita. Non ci vanno. Tetraidrocannabinolo. E quando è arrivato ha tirato fuori un tocco di fumo grosso così, gnam gnam.
I porci sono porci, i conigli conigli, le pecore pecore.
Hassan Sabbah disse loro: buttatevi dalla rupe. E i due giovani saltarono giù.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. anonimo ha detto:

    Deleuze per me è un mistero. Capisco che a volte è geniale però, per esempio, dopo aver letto Critica e clinica se facessi un bilancio direi che non ci ho capito una beata mazza e quello che mi è rimasto sono delle… boh, delle suggestioni. E un po’ la stessa cosa per Logica della sensazione. Ma forse deve andare così. O forse non capisco niente di filosofia.
    andrea barbieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...