“NOT IN OUR NAME!”

di Sbancor (da Carmillaincollo e sottoscrivo. Raz)

No. Non manifesteremo per gli ostaggi. E non manifesteremo nemmeno per il gruppo che li tiene prigionieri!
Se c’e’ uno slogan da lanciare domani e’ “NOT IN OUR NAME!”.
Che vuol dire “non in nostro nome”.
Non in nostro nome e’ stata decisa questa guerra che per i nostri parlamentari neanche e’ una guerra, nonostante i caduti da entrambi le parti. (Ricordatevelo quando votate o quando, meglio ancora, vi astenete!)
Non in nostro nome sono stati rapiti i “soldati di ventura” italiani (nonostante cio’ che dica Magdi Allam che meglio farebbe ad occuparsi della democrazia nel “suo” paese”, l’Egitto).
Non in nostro nome.

Chiunque pensi di collegare il solito “videoclip” sui prigionieri alle manifestazioni del 4 giugno e’ uno sporco provocatore.
Chiunque pensi che il popolo della pace abbia qualcosa a che fare con i “signori della guerra” iracheni e’ peggio di un provocatore.
Chiunque domani non si atterra’ ai principi della resistenza senza violenza, e’ semplicemente un cretino. E come tale sara’ trattato.
La presa di ostaggi e le trattative con i prelati islamici non sono nel costume dei movimenti. Ne’ in quello dei rivoluzionari. Sono piuttosto un agire tipico dei servizi segreti di mezzo mondo.
La resistenza irachena e’ la materiale opposizione all’occupazione, e’ la resistenza delle donne, dei bambini degli uomini a un potere che sentono ed e’ ostile e nemico. Guai confonderla con i gruppetti armati che giocano con gli ostaggi il “risiko del potere”.
Non in nostro nome, perche’ noi – il movimento – siamo un’altra cosa. Siamo quelli che a Seattle iniziarono a contestare il neoliberismo. Siamo quindi americani. Siamo quelli che Quebec City, a Praga, a Goteborg, a Genova abbiamo continuato a contestare il potere dei pochi e lo sfruttamento dei molti. Siamo quelli di Mombai, e quindi siamo dei “paria” indu’. Siamo i black bloc, i cattolici, gli islamici, gli ebrei, i zoroastriani. Siamo i boy scout, gli anarchici, i disobbedienti. Siamo quelli dei centri sociali. Siamo africani, asiatici, latino-americani, cinesi, siamo tutti i migranti del mondo.
Siamo esperti di informatica. Siamo ecologisti. Siamo precari. Siamo operai dell’ATM di Milano. Siamo contadini francesi. Siamo sin tierra brasiliani, siamo gli indiani della Patagonia (estinti), siamo il popolo della Bolivia in lotta. Siamo quelli che hanno contestato la discarica nucleare in Basilicata.
Siamo dunque terroni. Siamo ceceni. Siamo russi. Siamo afghani. Siamo cognitariato. Siamo analfabeti. Siamo gente a cui hanno provato in tutti i modi di affibbiare una etichetta. Siamo studenti iraniani in lotta contro gli Ayatollah. Siamo tutto quello che i governi, i preti di ogni religione, i gruppi del terrore non potranno mai comprendere.
Siamo cio’ che siamo e che sapremo essere. Anche domani, a Roma.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

16 risposte a

  1. susanna ha detto:

    Ciao Tunga !
    Ti ho risposto sul mio blog dove avevi lasciato il commento…
    a presto . Em

  2. anonimo ha detto:

    MORESCO é IL GENERO DI QUELLO CHE TIENE IL BLOG: Perchè non parla mai di conflitto d’interessi?

  3. razgul ha detto:

    Ciao, Pier, come va lassù in Polonia?

  4. anonimo ha detto:

    bene bene… si tromba come dei ricci…

  5. razgul ha detto:

    Bardzo dobrze, Piotrze. Mam tylko nadzieje, ze to nie jest po prostu klamstwo.Quand’è che torni? O hai deciso di entrare a far parte della szlachta?

  6. sbiadita ha detto:

    hey.. com’e’ andata a roma? sei tornato? ..quando torni? :))

  7. alderano ha detto:

    ah, l’epigrafe è dunque sangue… non dirmi che conosci il gruppo eliogabalo…

  8. razgul ha detto:

    Ho conosciuto Federico Nobili, ma – scusa, forse sono un po’ stordito – cos’è l’epigrafe cui ti riferisci?..

  9. razgul ha detto:

    Ti riferisci al sottotitolo del film “Il mattatoio di Dio”?

  10. alderano ha detto:

    no, era solo un’ellissi, o un’esclamazione… mi riferivo alla citazione moreschiana che corona il tuo blog, epigrafe scritta da colui che è sangue di un tuo sangue… Il mattatoio di Dio, ti chiedo io adesso, è il film nuovo di federico? PS Il 28 suoniamo a milano, alla festa di liberazione al palamazda, stavolta ti aspetto…e già che ci sei, porta anche il genero…

  11. razgul ha detto:

    Grande Alderano / che torna a Milano!Il Mattatoio… è effettivamente il film di Federico e Ferretti. Sarebbe bello vederci/vederlo in Lunigiana quest’estate…Il genero purtroppo non posso ancora portarlo, perché non è stata ancora generata la carne con cui dovrebbe accoppiarsi. Casomai riesco a portare il ‘suocero’…;-)

  12. pippilotte ha detto:

    hai conosciuto federico nobili , e che impressione ne hai ricevuto ?

  13. alderano ha detto:

    pippi, che domande indiscrete… vedi, ti ha risposto con una ‘filza’ (lo scrivo alla massese) di bestemmie…

  14. pippilotte ha detto:

    e io alla fiorentina ti dico o bischero ! allora tunghino che impressione , dillo a pippilì …:-)

  15. razgul ha detto:

    Cara Pippi, che posso dire? Federico l’ho incontrato una volta sola, davanti a una mitologica tagliata di chianina e a una bottiglia di brunello di montalcino, in quel del Passo del Cerreto sotto la neve… L’impressione, nella memoria, è indissolubilmente legata al sibaritismo di quel simposio…

  16. pippilotte ha detto:

    non avevo dubbi sul brunello di montalcino , ha scelto pure l’annata ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...