Madre de diòs, final…

Madre de diòs, finalmente sono tornato a casa. Non fossero stati con me la compañera Roja e il compañero Ñey, credo che mi sarei gettato per disperazione tra le fauci del mostruoso BOC (Bambino Onnivoro Cannibale).

Basta con i seminari di studio e con i laghi. Almeno per un anno non ne voglio più sentir parlare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Madre de diòs, final…

  1. sedicinove ha detto:

    lo fanno ancora l’anal al bar? :)

  2. razgul ha detto:

    Sì, ma non c’era molto tempo per andare al bar…

  3. mesjac ha detto:

    sai che non lo so? sicuramente non ci foste stati voi due mi sarei aggregata alla simpatica compagnia di papere che, come sempre, aspetta sonnecchiante qualche enorme pezzo di pane sul molo, tentando assurdi contorsionismi per non bagnarsi (??!?!mah!)… però… però mi permette di chiudere la realtà in un baule per qualche giorno, e il ritorno mi rattrista ogni volta… per non parlare dell’impatto con la suddetta realtà… basta, vado a sirmione da jack, ho deciso. ciao.

  4. nike ha detto:

    non avete avuto tempo di andare al bar? ah, non ci sono più i gargnanao di una volta. basta! almeno per un anno, no?

  5. sedicinove ha detto:

    beh, era inevitabile che nei commenti di questo post subito si riunisse (come simon & garfunkel) la storica coppia che deliziava i pochi fortunati con una versione mozzafiato di “i will survive”…

  6. nike ha detto:

    (?) io sono simon e tu garfunkel? chi è chi? who’s who!

  7. anonimo ha detto:

    però abbiamo fatto fuori un sacco di fascisti, vero razgul? ti ha già scritto il davide di venezia?

  8. razgul ha detto:

    Sì, ne abbiamo fatti fuori parecchi, prima che ci spazzassero via con quei loro rastrellamenti…Alludi forse a Pallina? No, non mi ha ancora scritto. Però mi ha contattato una cert’altra persona da Venezia, dicendomi che voleva il tuo e-mail e il tuo cellulare. Io naturalmente glieli ho dati.

  9. dakko ha detto:

    non ci ho capito niente, ma mi prenoto per una registrazione di “I will survive”, a qualunque prezzo

  10. anonimo ha detto:

    sì, voleva il mio email perchè le ho detto che sono in possesso di alcune tue foto di nudo…

  11. anonimo ha detto:

    ps. io il BOC della proloco me lo sogno ancora

  12. mesjac ha detto:

    Messico e nuvole…

  13. razgul ha detto:

    Cara Dakko, trattasi di linguaggio esopico. Tradotto significa che a Gargnano del Garda, in una sera stellata di qualche anno fa, la più improbabile marmaglia di studenti milanesi di russo in libera uscita seminariale – tra cui svariati cialtroni doc, come il sottoscritto e le compagne Mesjac (silentium.splinder) e Polly (pollywood.splinder) -, alla presenza dal miglior docente universitario di sempre e con in corpo una disdicevole quantità di vino, assisté alla performance di Nike (nike.splinder) che, accompagnata alla chitarra dall’ineffabile Sedicinove (obviously sedicinove,splinder), cantò la più efferata versione unplugged di “I will survive”.Chi c’era non può dimenticare. Infatti, come puoi constatare con questo post, al solo nominar Gargnano scatta subito il ricordo collettivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...