LUGLIO, AGOSTO, SETT…

LUGLIO, AGOSTO, SETTEMBRE (NERO) # 2
II. Agosto 2001 – San Pietroburgo

7.

Quanto ride, Ljuba, quando scopre l’argomento delle nostre tesi: cantanti rock, una rock opera sovietica degli anni ’70… non sono argomenti seri! Per Maria, che non da russista, ma da filosofa, si occupa di Lev Šestov, un po’ più di rispetto (anche se, dice, mamma che roba noiosa!).

 

“Ah, io e Borja Grebenščikov una ventina di anni fa e passa andammo insieme a Mosca a un concerto rock (clandestino), ma la polizia ci prese e passammo la notte in prigione…”. Mio stupore: “Hai conosciuto Borja?”. “Be’, sì, quand’eravamo giovani e lui componeva canzoni piene di verità. Adesso è tanti anni che fa il guru buddista, ma in quello che canta non ci trovi più quella scintilla… è buffo che tu scriva una tesi su di lui anziché, metiamo, su Marina Cvetaeva…”.

Marina Cvetaeva, dice, è la sua poetessa preferita, ma legge volentieri anche Mandel’štam. Dice: a recitarlo ad alta voce è come una lunga formula magica”.

 

Maria ha la febbre e il mal di gola. “Bednaja!” (“Povera!”) dice Ljuba, e corre a frugare nei suoi cassetti. Torna in cucina con un tubetto verde. Sembrerebbe un dentifricio o una crema da barba degli anni Cinquanta, invece è il Fitolizin: una specie di poltiglia verdastra che emana un odore impestante di eucaliptus al tetracannabinolo. Dice a Maria “spremine un po’ in un bicchiere d’acqua calda, mescola bene e fai i gargarismi”.

L’odore del fitolizin invade la casa e probabilmente anche la tromba delle scale. Maria esegue gli ordini e poi si mette a letto, munita di una pezzuola di lana abrasiva donatale da Ljuba per tenere caldo il collo (o più verosimilmente per scartavetrarlo. Con ogni evidenza il panno risale all’epoca in cui il regime sovietico dichiarò guerra alla comodità e alle mollezze borghesi, e Majakovskij andava in giro per le case dei conoscenti a strozzargli i canarini).

Il giorno dopo Maria si sveglia guarita. Stupore generale. Corriamo in farmacia a comprare due confezioni del miracoloso tubetto in previsione dei mal di gola a venire. Tornati a casa, leggiamo il foglietto delle avvertenze. Scopriamo che il Fitolizin è un medicinale contro le infezioni delle vie urinarie. Perplessità generale. Chiedo a Ljuba: “ma come? È per le vie urinarie?”.

“Sì, ma noi lo si usa più che altro per i dolori di schiena”.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...