è un fatto: una buon numero di italiani vota a destra. Molto democraticamente (e vista la grandiosa inculata che hanno preso alle amministrative, che mi spinge ad essere generoso e misericordioso), “Tunga!” ospiterà saltuariamente anche le opinioni di chi nella destra si riconosce.

Inauguro quindi questa rubrica pubblicando un breve ma pregnante intervento dell’On. Sulferio Cacitto, noto esponente di aenne, nonché intellettuale e stimato preside di liceo.

LA GIORNATA DELLA MEMORIA

Abbiamo recendemente festeggiato la giornata della memoria, dedicata all’olocausto nazzista.

Secondo un gran numero di storici anghe autorevoli, nei campi di sterminio sarebbero morti moltissimi ebrei. Non ci sono motivi sostanziali per contestare quest’interpretazione storica. Io credo che sia giusto gelebrare il ricordo di quel massacro, se (a quanto dicono) di massacro si trattò.

Mi duole però constatare che in Italia si tende, per colpa dell’egemonia culturale di una certa area politica faziosa e antidemocratica, a non ricordare gli orrendi crimini del comunismo: gulag, foibe, processi politici (e anche atti di cannibalismo testimoniati da fotografie in mio possesso), che per più di settant’anni hanno versato sangue innogente in tutto il mondo civile e non. Ma, come dicevo, di questo a scuola i professori stalinisti e i libri di testo marxisti non parlano, lasciando gli studenti nell’ignoranza o peggio infarcendoli di versioni tendenziose. Tanto più che l’olocausto risale ormai al segolo scorso, mentre il comunismo è crollato solo da poco più di dieci o nove anni (e tanti suoi seguaci angora tramano nell’ombra).

Perciò concludendo dico sì alla giornata della memoria, ma dico NO a chi in malafede cerca di cancellare GLI ORRORI E I CRIMINI DEL COMUNISMO.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a

  1. anonimo ha detto:

    Sì, però nazista… con una sola Z !
    Ciao,
    Raven

  2. razgul ha detto:

    A, ma “nazzista” lo scrive l’onorevole Cacitto, mica io!

  3. ChicaVQ ha detto:

    Un intellettuale che dice che non ci sono motivi _sostanziali_ (nota la finezza) per contestare l’Olocausto che secondo lui è “un’interpretazione storica”.
    Un intellettuale che parla di comunisti che mangiano la gente (e mica cazzi, lui ha le foto, eh!)
    E fin qui ci può stare, giusto di destra poteva essere.
    Ma io non posso credere a quei “recendemente”, “nazzista”, “anghe”, “gelebrare”, “innogente”, “segolo”, “angora”…dai, confessa, quelli li hai corretti tu per fare colore…:-)

  4. anonimo ha detto:

    Ma sai, è la trascrizione di un intervento verbale… così sono rimaste le inflessioni dialettali…
    Razgul

  5. sedicinove ha detto:

    per renderla piu’ credibile avresti dovuto scrivere Gulash invece di Gulag, quei tamarri lo sbagliano sempre. :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...